C’è il sole, ma penso alla morte.
Là dietro, il cielo deve essere così: blu e nuvole candide.
C’è il sole, ma penso alla morte, che ti ha ingannata col suo veleno, in cambio di un sonno eterno, nel tempo del mai.
C’è il sole, ma penso alla morte, mentre la vita, con occhi celesti, mi apre una porta, eppure non vedo nulla, le lacrime sono un muro.
C’è il sole, ma penso alla morte, ritornello vano, preghiera muta tra noi, separati da un velo bianco di dolore, mentre il tulle ridisegna le tue guance di alabastro, le tue ciglia di velluto, la tua bocca di corteccia.
C’è il sole, ma penso alla morte,
a quest’ora di domenica mattina, riempio le narici di odori e gli occhi di tutti i colori. Perché io sono vivo.

2 thoughts on “ C’è il sole, ma penso alla morte ”

Rispondi a Claudio Turri Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...